IMMIGRAZIONE CLANDESTINA E LAVORO IRREGOLARE

da dottrina lavoro.it

Con sentenza n. 45210 del 9 dicembre 2021, la prima sezione penale della Corte di Cassazione ha affermato che il reato di favoreggiamento finalizzato alla permanenza illegale del cittadino extra comunitario, con produzione di falsa documentazione relativa a rapporti di lavoro fittizi, richiede la sussistenza di un dolo specifico, costituito dallo stato d’illegalit√† da cui scaturisce un profitto, a condizioni particolarmente onerose.

Condividi: